CINEMASTICANDO

Solo per chi mastica cinema a colazione, pranzo e cena


2 commenti

FESTIVAL DI VENEZIA: I TITOLI CINEMATOGRAFICI CHE VERRANNO PROIETTATI

Dal 28 agosto 2013 al 7 settembre 2013 si terrà, come ogni anno, la kermesse cinematografica del Festival di Venezia.
A dirigere questa “seconda nuova edizione” ci sarà Alberto Barbera e la manifestazione sarà caratterizzata da 19 pellicole di cui 6 saranno  di produzione americana.

“The Canyons” con la discussa Lindsay Lohan e James Deen, attore di film hard

Per gli amanti del cinema del nostro paese niente paura perché ci sarà il maestro Gianni Amelio con la sua opera, “L’intrepido” che vedrà protagonista Antonio Alabanese (presente anche al Festival di Toronto); altri noti registi in concorso saranno Jonathan Glaze, Stephen Frears e Kim Ki-duk.
Fuori concorso verranno proiettate pellicole come “The Canyons” di Paul Schrader, con Lindsay Lohan, “Space Captain Harlock”, il remake di “Unforgiven” e “Gravity” di Alfonso Cuaron con Sandra Bullock e George Clooney; quest’ultimo film darà il calcio d’inizio alla kermesse della laguna.

La creatura di Leiji Matsumoto rivivrà sul grande schermo grazie alla computer grafica

Tra i titoli delle opere filmiche in concorso ci sono:
“Tom at the Farm” di Xavier Dolan con con Xavier Dolan, “Under the Skin” di Jonathan Glazer con Scarlett Johansson, “The Canyons” di Paul Schrader con Lindsay Lohan, “Moebius” di Kim Ki-Duk, “Night Moves” di Kelly Reichardt con Jesse Eisenberg, Peter Sarsgaard e Dakota Fanning e “The Zero Theorem” di Terry Gilliam con Christoph Waltz, Tilda Swinton e Ben Whishaw.

Il discusso Moebius in cui si narrano le vicende scandalose di una famiglia giunta sul baratro della perdizione.

“Moebius” in Corea del Sud è stato bandito per la presenza di scene particolarmente estreme.
La pellicola mostra il decadimento di una famiglia contrassegnato dall’ombra dell’incesto tra consanguinei.
William Friedkin riceverà il Leone d’Oro alla carriera.

William Friedkin, Leone d’Oro alla Carriera

Il regista, di origini ebraiche, ha diretto numerosi film divenuti delle vere e proprie pietre miliari della cinematografia.
Si ricordano tra i tanti: “L’esorcista” (1973) e “Il braccio violento della legge” (1971).

Di seguito è riportata la lista dei titoli delle pellicole  in concorso e non al Festival di Venezia:

FUORI CONCORSO

Shinji Aramaki – Space Pirate Captain Harlock
Alfonso Cuaron – Gravity
Salvo Cuccia – Summer 82 When Zappa Came To Sicily
Anna Eborn – Pine Ridge
Alex Gibney – The Armstrong Lie
Miguel Gomes – Redemption
Kitty Green – Ukraina Ne Bordel
Ki-Duk Kim – Moebius
Steven Knight – Locke
Sang-il Lee – Yurusarezaru Mono (Unforgiven)
Greg McLean – Wolf Creek 2
Costanza Quatriglio – Con il fiato sospeso
Thierry Ragobert – Amazonia
Edgar Reitz – Home from home – chronicle of a vision
Paul Rader, Aaron Springer, Clay Morrow – O Sole Minnie (Gondola)
Paul Schrader – The Canyons
Ettore Scola – Che strano chiamarsi Federico – Scola racconta Fellini
Mario Sesti, Teho Teardo – La voce di Berlinguer
Andrej Wajda, Ewa Brodzka – Walesa. Czowiek Z Nadziei
Bing Wang – Feng Ai
Frederick Wiseman – At Berkeley

Gravity con George Clooney e Sandra Bullock

 

ORIZZONTI

Valeria Allievi – Quello che Resta
Serik Aprymov – Bauyr
Enrico Maria Artale – Il Terzo Tempo
Agnes B. – Je MAppelle Hmmm….
Riccardo Bernasconi, Francesca Reverdito – Death for a Unicorn
Shubhashisi Bhutiani – Kush
Cecile Bicler – Toutes Les Belles Choses
Giorgio Bosisio – Un Pensiero Kalasnikov
Robin Campillo – Eastern Boys
Gia Coppola – Palo Alto
Amiel Courtin-Wilson, Michael Cody – Ruin
Jonas Cuaron – Aningaaq
Ignacio Gatica – Blanco
Michael Haussman – The Audition
Shahram Mokri – Mahi Va Gorbeh 
Lukas Moodysson – Vi Ar Bast!
Rick Ostermann – Wolfskinder
Bulent Ozturk – Houses With Small Windows
David Pablos – La Vida Despues
Santiago Palavecino – Algunas Chicas
Andrea Pallaoro – Medas
Uberto Pasolini – Still Life
Manel Raga – La Gallina
Alessandro Rossetto – Piccola Patria
Andrea Segre – La Prima Neve
Shalin Sirkar – Minesh
Sion Sono – Jigoku De Naze Warui
Xiaowei Wang – Sishui
Ti West – The Sacrament
Leo Woodhead – Cold Snap
Lendita Zequiraj – Ballkoni

IN CONCORSO

Allouace Merzak – The Rooftops
Amelio Gianni – L’intrepido
Avranas Alexandros – Miss Violence
Curran John – Tracks
Dante Emma – Via Castellana Bandiera
Dolan Xavier – Tom à la ferme
Franco James – Child of God
Frears Stephen – Philomena
Garrel Philippe – La jalousie
Gilliam Terry – The Zero Theorem
Gitai Amos – Ana Arabia
Glazer Jonathan – Under the Skin
Gordon Green David – Joe
Groning Philip – The Police Officer’s Wife
Miyazaki Hayao – The Wind Rises
Morris Errol – The Unknown Known
Reichardt Kelly – Night Moves
Rosi Gianfranco – Sacro Gra
Tsai Ming-liang – Stray Dogs

 Link correlati:

GRAVITY: NUOVO TRAILER SOTTOTITOLATO IN ITALIANO!

GRAVITY: LA SCHEDA

GRAVITY: TRAILER IN ITALIANO

 

Annunci


Lascia un commento

GODZILLA: DAL POSTER UFFICIALE SPUNTA LA CODA DELL’ENORME CREATURA

I diversi social network e microblogging spesso sono ottimi strumenti di pubblicità virale per le diverse pellicole prossimamente in uscita.
Grazie a Twitter la  Legendary Pictures ha reso ufficiale, in modalità online, il nuovo teaser poster di Godzilla.
Il Comic-Con 2013 di San Diego investirà  il film di Gareth Edwards di una notevole importanza grazie alle innumerevoli notizie che saranno fornite durante la kermesse estiva.

Teaser poster di Godzilla (2014)

Guardando la locandina non si può non notare l’enorme coda del “kaiju” (traduzione dalla lingua giapponese in “strana creatura”) che seminerà terrore e distruzione a partire dal 14 maggio 2014 in tutte le sale cinematografiche del mondo.
Notizie diffuse di carattere certo e  concreto per ora ce ne sono ben poche; ciò che sicuramente si è appreso, osservando il poster ufficiale, è che  la creatura sarà caratterizzata da dimensioni mastodontiche se rapportate alla grandezza degli elicotteri presenti nell’immagine.


Lascia un commento

LE TARTARUGHE NINJA: L’ATTORE WILLIAM FICHTER SARA’ SHREDDER

A quasi un anno dall’uscita del film sulle Tartarughe Ninja (uscita statunitense prevista per il 6 giugno 2014) di Jonathan Liebesman, il volto del villain della pellicola, ovvero il ninja Shredder, sarà quello dell’attore William Fichtner.
Diverse notizie sul film prodotto da Michael Bay, che narrerà le imprese dei verdi mutanti, sono state fornite dallo stesso attore durante la promozione di “The lone ranger” (“Il ranger solitario”).
Egli sottolinea la maturità della pellicola che non avrà i toni “adolescenziali” delle Tartarughe Ninja che abbiamo potuto ammirare con le diverse pellicole “Tartarughe Ninja alla riscossa” (1990), “Tartarughe Ninja II – Il segreto di Ooze” (1991), “Tartarughe Ninja III” (1993) e con il film d’animazione “TMNT”” (2007).
Fichtner ha dichiarato che solo la presenza di Michael Bay nella produzione, lo hanno immediatamente convinto a partecipare al progetto Tartarughe Ninja.

Raffaello (a sinistra con la mascherina rossa), Michelangelo (al centro in basso con la mascherina arancione), Leonardo (al centro in alto con la mascherina celeste) e Donatello (a destra con la mascherina viola) in un’immagine della pellicola “Tartarughe ninja alla riscossa” (1990)

Michelangelo (a sinistra con la mascherina arancione), Splinter (al centro), Raffaello (a destra con la mascherina rossa), Donatello (dietro a Splinter a sinistra con la mascherina viola), e Leonardo (dietro a Splinter destra con la mascherina celeste) nel film d’animazione TMNT (2007)

William Fichtner

Shredder


1 Commento

TO THE WONDER: IL TRAILER

Un film sull’amore che parla di amore, con amore…

Così potrebbe definirsi la pellicola “To the Wonder” che narra il vincolo sentimentale tra Marina (Olga Kurylenko) e Neil (Ben Affleck), due anime che sono state generate per essere l’una lo specchio dell’altra.
Il loro amore sarà messo a dura prova da diverse insidie come la lontananza e il riaccendersi di vecchie passioni assopite ma non del tutto cancellate.

Tutto questo è “To the Wonder” !!

Link correlati:

TO THE WONDER: LA SCHEDA


1 Commento

QUESTI SONO I 40: IL TRAILER

Dopo la pellicola “Molto incinta” del 2007 con Katherine Heigl e Seth Rogen ecco lo spin-off nato dalla costola di questo film e nuovamente diretto e scritto da Judd Apatow.
“Questi sono i 40” narra le problematiche del matrimonio tra Debbie, sorella di Alison (protagonista di “Molto incinta”), e Pete, suo marito.
Le figlie adolescenti, il lavoro che non va, la crisi dei quarant’anni e l’arrivo di un terzo figlio metteranno a dura prova il loro vincolo d’amore.

Link correlati:

QUESTI SONO I 40: LA SCHEDA


4 commenti

TO THE WONDER: LA SCHEDA

Titolo originale: To The Wonder
Nazione: Stati Uniti
Uscita italiana: 4 Luglio 2013
Genere: Drammatico
Regia: Terrence Malick
Cast: Ben Affleck (Neil), Olga Kurylenko (Marina),  Rachel McAdams (Jane), Javier Bardem (Padre Quintana), Romina Mondello (Anna), Charles Baker (Charles)
Sceneggiatura: Terrence Malick
Distribuzione: 01 Distribution
Durata: 112 minuti (Un’ora e 52 minuti)
Trama: Parigi, luogo dove innamorarsi e vivere fortissimi emozioni; questo è ciò che capita a Marina, donna di origini russe e madre di una bimba di dieci anni, e a Neil, scrittore americano alle prime armi.
La scintilla dell’amore non tarderà a scoccare e i due raggiungeranno Mont Saint-Michelle, la “meraviglia dell’occidente”.
Il grande sentimento che li lega sarà messo a dura prova, specialmente dopo la scadenza del visto di Marina che la obbligherà a trasferirsi in Europa.
A complicare l’intricata situazione ci sarà anche un ritorno di fiamma di Neil per Jane, una sua ex.
Nella vita dei due entrerà anche lo spagnolo Padre Quintana che, interpellato per rincuorare la giovane Marina, attraverserà un periodo di crisi religiosa.

Neil (Ben Affleck a sinistra) e Jane (Rachel McAdams)

Link correlati:

TO THE WONDER: IL TRAILER


4 commenti

PACIFIC RIM: IL PUBBLICO COME LO GIUDICA?

I buoni contro i cattivi,i robottoni contro le creature provenienti da altri mondi o semplicemente i Jaegers contro i Kaiju.
Come lo si vuole vedere, da qualsiasi angolazione, il tema dominante è sempre l’eterna lotta tra il bene e il male, concettualmente inalterata ma mutevole dal punto di vista della forma.
“Pacific Rim” verrà ricordato come la pellicola dei “robottoni” che ha reso felici moltissimi bambini, ora trentenni, che ne gli anni  ’80 sono cresciuti sotto la guida di miti come Jeeg Robot d’Acciaio, Mazinga, Daitarn III e molti altri robot, rigorosamente made in Japan.

Il Gipsy Danger sfodera la letale spada-catena per attaccare il selvaggio Kaiju!

Scrivete qui il vostro commento sul film!

Link correlati:

PACIFIC RIM: IMMAGINI INEDITE CONDENSATE IN 2 MINUTI DI FILMATO

PACIFIC RIM: AD UNA SETTIMANA DALL’USCITA ECCO UN NUOVO TRAILER

KAIJU CONTRO JAEGER NEL NUOVO TRAILER ITALIANO DI PACIFIC RIM

PACIFIC RIM: IL TRAILER

I JAEGER DI “PACIFIC RIM” NON SONO FRUTTO DELLA FANTASIA

PACIFIC RIM: LA SCHEDA